L'ANPI E LA RESISTENZA... - ETTORE LEMBO NEWS

Title
Vai ai contenuti
L'ANPI,

che critica l'uso a Torino della parola RESISTENZA, utilizzata da Giurista Ugo Mattei?
Avevamo dato spazio alcuni giorni fa' all'articolo che ci era stato inviato da un Amico, che vuol rimanere "IGNOTO" per questo si firma "IGNOTO UNO" proprio sul tema della RESISTENZA e la LIBERAZIONE DELL'ITALIA, dal Nazismo.
LINK all'articolo:
Articolo che sembra proprio smentire l'arroganza di chi da sempre sembra essersi appropriato di fatti storici.
Cosa che in Italia, a causa di un individualismo atavico, sembra trovi sempre terreno fertile.
Articolo che vi invitiamo a rileggere, per Vostra cultura ed informazione, cliccando nel link a seguire http://www.ettorelembonews.it/chi-ha-liberato-l-italia-.html
Queste le parole che l' ANPI proferisce: “È intollerabile e inaccettabile l’utilizzo indecente che il professor Ugo Mattei ritiene di poter fare di una storia così importante per il nostro Paese quale fu la Resistenza”. Tali parole, non possono che risultare fortemente discutibili, e contrastabili, insieme alle altre, punto per punto, a meno che non si ritenga ANPI come depositario del Verbo.
Cosa che non ci risulti essere.
Oggi l'ANPI supporta probabilmente le scelte di un governo che sempre più sembra somigliare, con i suoi provvedimenti discriminanti ed umilianti verso una parte della popolazione, a quel regime che nel secolo scorso crearono altrettanti provvedimenti discriminanti ed umilianti verso una parte della popolazione?
Chi sono loro per potere asserire che la "resistenza" proposta dal giurista Ugo Mattei a Torino, possa essere definita indecente?
"Nel linguaggio giur. e sociologico, diritto di resistenza, diritto di opporsi, a ogni attentato o minaccia recati ai diritti fondamentali e inviolabili dell’uomo da parte del potere costituito." (FONTE TRECCANI).
Non è forse questo ciò che il potere costituito sta facendo?
Che sia forse uno strumento per alzare sempre più i toni e forse accendere quella "guerra civile"  mai dichiarata e mai sopita?
Come mai c'è un solo orientamento, nascondendo, occultando, o peggio censurando e bloccando in ogni modo ogni pensiero diverso da quello governativo?
Ma di questo ne parleremo prossimamente.
(Ettore Lembo)
09/01/2022

Torna ai contenuti