PROTESTA DEGLI AUTOTRASPORTATORI IN CANADA - ETTORE LEMBO NEWS

Title
Vai ai contenuti
Protesta degli
autotrasportatori
in Canada,

sequestrate le donazioni a supporto della protesta?
Cosa sta accadendo in Canada?

Questo è ciò che bisogna chiedersi, dal momento che  certe manifestazioni accadono si oltre Oceano, ma potrebbero essere prossime anche in Italia.
Per di più, sembrerebbe che ilo Governo abbia bloccato dei fondi, donati a gli autotrasportatori…
Proprio ieri abbiamo pubblicato un servizio della Reuters su ciò che accade in Canada e qualcuno ritiene che in Italia non sia importante.
Vi riportiamo l’articolo di Natalie Obiko Pearson, tratto dal “Blomberg”, di cui alla fine  troverete l’allegato originale, in lingua originale.
A seguire,  e dopo il link di Blomberg, giusto per avere una cronistoria più precisa, vi alleghiamo un altro articolo del / febbraio di Betsy McCaughey del New York Post, sempre con il relativo link in originale.
Fare un raffronto tra Italia è Paesi oltreoceano, potrebbe rivelarsi intreressante.
Ettore Lembo
09/02/2022

BLOMBERG
GoFundMe Boots Canada Trucker Fundraiser contro le regole sui vaccini
La piattaforma cita i rapporti della polizia di violenza durante le proteste dei camionisti. Dice che non saranno distribuiti ulteriori fondi agli organizzatori
Articolo del  5 febbraio 2022, 01:39 UTC
GoFundMe ha rimosso dalla sua piattaforma una raccolta fondi per i camionisti canadesi che si oppongono ai mandati sui vaccini, affermando che la campagna viola i termini che vietano la promozione della violenza.
I manifestanti hanno occupato le strade della capitale canadese, Ottawa, per quasi una settimana, manifestando contro le leggi canadesi e statunitensi che richiedono ai camionisti che attraversano il confine di essere completamente vaccinati contro il Covid-19. Le donazioni a "Freedom Convoy 2022" su GoFundMe hanno superato i 10 milioni di dollari canadesi (7,8 milioni di dollari) all'inizio di questa settimana.
"GoFundMe sostiene proteste pacifiche e crediamo che fosse l'intenzione della raccolta fondi Freedom Convoy 2022 quando è stata creata per la prima volta", ha detto la piattaforma in una dichiarazione inviata via e-mail venerdì scorso. Ma sulla base di segnalazioni di violenza e altre attività illegali ricevute dalle forze dell'ordine, ha deciso di sospendere la campagna, ha aggiunto la dichiarazione.
"Questa raccolta fondi è ora in violazione del nostro Termini di servizio (Termine 8, che vieta la promozione di violenza e molestie) ed è stato rimosso dalla piattaforma ", ha detto GoFundMe.
Mentre un iniziale milione di dollari canadesi è già stato rilasciato agli organizzatori all'inizio di questa settimana, nessun ulteriore fondo sarà
distribuito direttamente a loro, ha detto. I donatori possono presentare una richiesta di rimborso completo entro il 19 febbraio. GoFundMe prevede di inviare i fondi rimanenti a "enti di beneficenza credibili e affermati" scelti dagli organizzatori, che può verificare, ha detto.
La frustrazione e la rabbia represse sono esplose nel centro di Ottawa, dove i manifestanti hanno iniziato a costruire rifugi di fortuna e raccogliere serbatoi di propano, promettendo di rimanere fino a quando i mandati sui vaccini non saranno revocati. Il gruppo è stato sostenuto su Fox News e dal podcaster Joe Rogan, dal miliardario di Tesla Elon Musk e dall'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump.
Natalie Obiko Pearson


NEW YORK POST
La chiusura da 10 milioni di dollari dei camionisti canadesi da parte di GoFundMe dimostra che è tempo di tenere a freno le Big Tech
Quando GoFundMe ha chiuso i finanziamenti venerdì per il Freedom Convoy dei camionisti, non si è limitato a bloccare i conducenti di impianti canadesi. Ha inferto un duro colpo ai diritti degli americani. I dirigenti della Silicon Valley stanno cercando di limitare le cause sostenute dagli americani, favorendo quelle di sinistra e cancellando i conservatori.
I camionisti canadesi hanno lanciato un convoglio per Ottawa il mese scorso, per protestare contro il mandato vaccinale del primo ministro Justin Trudeau su tutti i conducenti di impianti. Non importa l'assurdità di richiedere un camionista da solo al volante per 18 ore al giorno per essere vaccinato.
Il convoglio ha creato un sito di raccolta fondi su GoFundMe per pagare carburante, vitto e alloggio. Molti americani si sono affrettati a sostenerlo. Aveva raggiunto $ 10 milioni di donazioni quando GoFundMe ha staccato la spina.
Quasi un quarto degli americani dona su siti di crowdfunding, secondo Pew Research. GoFundMe è il più grande. È la piazza pubblica per la raccolta di fondi e dovrebbe essere aperta a tutti, indipendentemente dalla loro politica.
Eppure GoFundMe chiude la raccolta fondi per cause che non piacciono alla sinistra. Questo è pericoloso per la nostra democrazia come quando altri giganti della tecnologia della Silicon Valley come Facebook e Twitter mettono a tacere i punti di vista.
Noi americani abbiamo il diritto costituzionalmente protetto di donare denaro a qualsiasi causa scegliamo, la Corte Suprema ha stabilito in Buckley v. Valeo. Il denaro finanzia l'attività politica e limitare dove possiamo donare è come imbavagliare il nostro discorso.
Il Freedom Convoy ha raggiunto Ottawa il 29 gennaio e ha intasato le strade della città con 18 ruote e manifestanti che chiedono la libertà di assistenza sanitaria e la fine dei mandati governativi COVID.
oFundMe afferma di aver chiuso i camionisti e di non rilasciare loro i loro fondi a causa di "segnalazioni di violenza e altre attività illegali" che violano i termini di servizio dell'azienda.
È uno scherzo. Anche la CNN riferisce "nessuno spargimento di sangue". Il New York Times ammette che il peggio è il traffico ringhiato e i clacson dei camion.
A partire da venerdì sera, quando GoFundMe ha chiuso definitivamente il sito, c'erano stati solo tre arresti nonostante migliaia di persone protestassero. A partire da domenica, la polizia ha riferito di ulteriori arresti e indagini, ma il numero è ancora minuscolo nel complesso. La più grande lamentela del sindaco di Ottawa Jim Watson è che i camionisti stanno mostrando "insensibilità" creando rumore e "trasformandolo in una festa".
Confrontalo con il caos e la violenza a Portland, Oregon, nel 2020. La verità è che GoFundMe non ha avuto problemi con quel disturbo. Il sito ha raccolto centinaia di migliaia di dollari per il Comitato di difesa generale di Portland per difendere i rivoltosi che hanno dato fuoco alle stazioni di polizia, vandalizzato il municipio, brandito armi e ferito agenti di polizia.
Anche ora, GoFundMe sta raccogliendo fondi per Black Lives Matter NYC per impegnarsi in "disobbedienza civile e disgregazione". A GoFundMe piace il marchio di disobbedienza civile di BLM.
Gli estensori della Costituzione hanno vietato al governo di censurare, ma non hanno previsto big tech. I democratici sono felici di sostituire i mancini della Silicon Valley per mettere la museruola ai deplorevoli e impedire uno scambio di idee. E soldi.
I democratici al Congresso insistono sul fatto che le Big Tech dovrebbero eliminare la "disinformazione". Trudeau ha criticato i camionisti per aver diffuso "disinformazione".
Chi decide cos'è la disinformazione? Il giudice Oliver Wendell Holmes ha detto che il "miglior test della verità" è se sopravvive nella "concorrenza del mercato". La Silicon Valley sta soffocando la concorrenza.
Ci sono due rimedi. Il primo è che il Congresso regoli le Big Tech come i servizi pubblici o i vettori comuni, costringendoli a servire tutti i clienti senza discriminazioni di punto di vista. Le compagnie idriche e le ferrovie non possono negare il servizio ai clienti con opinioni impopolari. Le Big Tech dovrebbero operare secondo le stesse regole.
Sfortunatamente, è improbabile che tale legislazione passi. Circa la metà delle partecipazioni azionarie dei membri democratici sono in Big Tech, rispetto al solo 14% dei repubblicani.
Il secondo rimedio è la Corte Suprema. È possibile che la maggioranza limiti la censura delle Big Tech quando si presenta un caso.
Nell'aprile 2021, il giudice Clarence Thomas ha avvertito, in un parere concorde, che gli amministratori delegati dei giganti dei social media – una semplice manciata di dirigenti – hanno il potere di escludere anche un presidente degli Stati Uniti dalla piazza pubblica digitale.
Thomas sembra pronto a stabilire che il Primo Emendamento vieta la censura non solo da parte del governo ma anche dei social media.
L'attacco di GoFundMe al Freedom Convoy è l'ultima bandiera rossa che il potere della Silicon Valley su di noi deve essere fermato.
Betsy McCaughey ex tenente governatore di New York.

Torna ai contenuti