DRAGHI: PUTIN NON DEVE VINCERE - ETTORE LEMBO NEWS

Title
Vai ai contenuti
Draghi:
Putin non deve vincere...
Medvedev:
se la NATO invade la
Crimea sarà la terza
guerra mondiale...

Botta e risposta che innalzano sempre più i toni di guerra tra USA, dietro le quinte, Europa con gli Inglesi e Draghi in prima fila contro la Russia.
Questa sembra essere la sintesi di un G7 dove si e' parlato di tutto ciò che sembra allontanare sempre di più la possibilità di intavolare la benché minima trattativa ad una pace che nessuno dei principali capi di governo dei 7, che si autocelebrano grandi, vuole.
Tralasciamo il ridicolo e quanto mai vergognoso "sfottò" nei confronti di Putin da parte del premier canadese, Justin Trudeau e del premier britannico Boris Johnson.
Le parole pesantissime di Mario Draghi "Putin non deve vincere. Se Kiev perde, sconfitta la democrazia" la dicono lunga come non vi è nessuna intenzione di pace ma la volontà di alimentare uno scontro personale, coinvolgendo le popolazioni sotto le mentite spoglie di difendere una democrazia fortemente discutibile, perché di pochi e con regole che di democratico forse hanno ancora meno.
Ciò che accade in Italia è sotto gli occhi di tutti.
Il premier Italiano al G7 in Germania: "L'Ue ha mutato in modo profondo il suo atteggiamento verso i Paesi vicini, la sua strategia di lungo periodo. È un cambiamento molto importante".
Un clima molto teso quindi, quello che si respira al G7, in attesa della Conferenza Stampa di oggi, dove poi vedremo Draghi partire direttamente per la Spagna, dove si terrà a Madrid il summit della NATO.
La risposta dalla Russia non si è lasciata attendere.
Così il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo  Dmitry Medvedev: "Non ci inchineremo all'Occidente", e continuando in un'intervista ad Argumenty i Fakty riportata dalla Tass. Medvedev ha poi aggiunto: "Per noi la Crimea fa parte della Russia, e questo è per sempre. Qualsiasi tentativo di invadere la Crimea equivarrebbe a una dichiarazione di guerra contro il nostro Paese. Se uno Stato membro della Nato fa una tale mossa, portera' a un conflitto contro l'intera Alleanza del Nord Atlantico, la terza guerra mondiale, un disastro totale".
Risposta dura e determinata anche sulle sanzioni imposte alla Russia che sembrano portare disagi solo ad i paesi europei, Italia compresa.
"Gli oppositori della Russia si aspettano che o si inchinerà a loro o la sua economia crollerà, ma ciò non accadrà".
L'occidente, continua Medvedev, "sottostima la Russia, come al solito, o piu' precisamente, prova un pio desiderio".
Intanto il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, potrebbe annunciare un rafforzamento della presenza militare Usa in Polonia e una serie di modifiche al dispiegamento di truppe nei Paesi baltici, nel quadro del vertice dei leader della Nato in programma a Madrid fino al 30 giugno. Lo riferisce l'emittente "Nbc News", citando fonti informate dei fatti.
Mentre così si avvia a conclusione questo G7 all'insegna della promozione alla guerra,  si riscaldano ulteriormente gli animi per il summit di Madrid.
Erdogan infatti preannuncia: Nessun passo indietro sul no all'ingresso nella Nato di Svezia e Finlandia.
Un vertice che avrà come principale tema l'allargamento a Svezia e Finlandia, al cui ingresso nella Nato il leader turco opporrà ancora una volta il veto, ribadendo la posizione espressa nell'ultimo mese, di per sè sufficiente a impedire l'ingresso nella Nato dei due Paesi. Svezia e Finlandia avevano chiesto di entrare nella Nato lo scorso 18 maggio, sull'onda della preoccupazione suscitata dall'attacco russo all'Ucraina.
Un vertice quindi che potrebbe complicare ulteriormente la questione "guerra" evidenziando ulteriormente come non vi sia la volontà di dialogo e di confronto, ma di fortissima prevaricazione, da chi vuole imporre la propria democrazia.
Non rimane quindi che chiederci se una democrazia, se imposta, possa essere definita democrazia.
I risultati delle precedenti guerre, non incoraggiano assolutamente.
Per di più , l'astensionismo al voto registrato in Francia ed ancor più in Italia, potrebbe essere un importantissimo segnale?
Ettore Lembo
29/06/2022




Torna ai contenuti