DOSSIER UKR 9 - ETTORE LEMBO NEWS

Title
Vai ai contenuti
DOSSIER UKR 9:

PRECIPITEVOLISSIMEVOLMENTE...
Le notizie - di ogni tipo – che si susseguono e accavallano nello scacchiere russo-ukraino, sono talmente tante da rendere difficoltoso l'orizzontarsi. Se è vero che compito del giornalista è quello di fornire notizie tali da soddisfare le attese, e quindi gli interrogativi, dei Lettori, è anche vero che nel conflitto in corso in quest'area le componenti presenti sono comunque molte, perfino troppe. Dagli aspetti legati al marketing (comunicazione, immagine, domanda/offerta di prodotti e servizi, informazione e gestione della stessa, e quant'altro), a quelli correlati alla geopolitica; da quelli squisitamente storici a quelli della cruda cronaca; dall'aspetto umanitario a quello connesso alla violazione di molte norme internazionali (norme a tutela dei prigionieri di guerra e divieto di torturare gli stessi; divieto di utilizzare automezzi sanitari per trasportare truppe (facendo affidamento sulle insegne della Croce Rossa); divieto di utilizzo di armi batteriologiche e chimiche; divieto di utilizzare i civili come scudi umani; divieto di utilizzare divise e mezzi dell'avversario al fine di commettere crimini di guerra dei quali dare la colpa alla controparte;  strumentalizzazione e manipolazione delle notizie – con tecniche degne della migliore cinematografia - al trasformismo bellico e politico, alle bugie in gran quantità adottando la tecnica dello scaricabarile (io bombardo e dico che sei tu a farlo, tu violenti e dici che sono stato io) ... tanto per citare gli aspetti più rilevanti, ai quali molti altri sono fortemente connessi: ma il tutto sviluppato in un contesto dove le false notizie e le notizie false, la fanno da padrone; dove la menzogna assurge a verità (purtroppo, spesso a priori). Una sorta di 'guerra di ballisti' e di suggestioni spessissimo pietose e quindi strumentali, il cui fine è occultare, minimizzare, esaltare ciò che conviene, inducendo la pubblica opinione ad abbeverarsi a pozzi inquinati.  Ma di chi parliamo di A o di B? Ma di entrambi: e non solo. Ormai è coinvolto tutto l'alfabeto, visto che  le parti in causa si sono moltiplicate – e il problema, dilatato a dismisura - in modo persino anomalo; quindi, parlare solo di uno non è più possibile, senza incorrere in errori macroscopici.
Il 'di chi è la colpa', 'di chi sono le responsabilità', 'chi sono gli invasori, gli invasi e gli... invasati' (per dirla alla Travaglio), qual'è il gioco delle alleanze e quale quello delle complicità, lo devono stabilire i Lettori, la pubblica opinione, mettendo da parte narrazioni di comodo, boutades teatrali, ricatti, pupari e marionette... anche perché in gioco c'è la nostra vita, la vita di tutti: estensivamente, ma non illogicamente, di tutta la razza umana. Per intenderci: quella che, in nome di non si sa quale 'diritto', 'qualcuno' (peraltro, di ben conosciuto: visto che tutto è ormai nero su bianco, con tanto di nome e cognome di questi novelli, inumani, diabolici, 'gestori' dell'attuale malconcia umanità) ha deciso di 'fermare l'uomo' entro il 2030, poiché 'fa troppi figli, mangia carne e spreca energia'. Ormai, non siamo più solo spettatori ma siamo coinvolti e quindi compartecipi, poiché qualcuno ha deciso di coinvolgerci, di coinvolgere il Popolo Italiano,  
Oggi tutto è incentrato su 'false' verità – ovvero, su 'vere false notizie', spesso derivate o stortura di notizie vere – fatte circolare ad usum di una delle parti o dei loro alleati veri o presunti: e se non si ha certezza di ciò, quali notizie certe si possono offrire ai Lettori? Ci sono morti, da entrambi gli schieramenti; ci sono morti tra i civili (ma esistono ancora i civili, in Ukraina? Dopo che la popolazione è stata armata, la stessa agisce in modo paramilitare, così equiparandosi ai militari e correndo il fortissimo rischio di essere trattata allo stesso modo nel corso dei combattimenti); ci sono case e città violentemente bombardate (ma, ad ascoltare le testimonianze raccolte sul campo da volenterosi cronisti e fotografi indipendenti – i cui servizi girano in rete, ma, chissà perchè, non vengano acquistati dalle catene di informazione e dalle stesse agenzie  - a bombardare sarebbero anche le forze locali, ukraine, con lo scopo di gettare colpe e responsabilità sull'altrui combattente); ci sono dei veri e propri set dove, con capace regìa, vengono montate scene di presunti massacri o di presunte violenze o di altrettanto fantastici bombardamenti, con immagini di finte bombe inesplose fatte di lamierino; ci sono 'morti' che, prima delle riprese, fumano con mani che spuntano dai grigi sacchi della morgue, o 'vittime' che non appena il cineoperatore è passato, si rialzano improvvisamente miracolati; ci sono 'vittime' trovate in molteplici fosse-comuni che si trovano anche in territori dove l' 'attaccante' non è mai stato; ci sono 'partorienti' o altre 'ragazze immagine' con finte pance e trucchi diversi, a seconda di dove debbano essere immortalate; ci sono inviati di testate giornalistiche o televisive che, nel momento del collegamento, esclamano costantemente 'poco prima di collegarci con voi sono suonate le sirene' (ma le sirene non si sentono: oltretutto, il suono lamentoso e lugubre degli allarmi) oppure che 'è scattato il coprifuoco' (ma dietro si vede la città ben illuminata con il traffico che scorre) ... ecco c'è tutto questo e molto di più:  capite bene che poter dare notizie vere e serie, sia sempre più complesso; restano i commenti, ma anche questi devono essere basati o su una visione d'insieme o su notizie reali, specie se è stata accertata la presenza di falsari e complici di falsari che fanno di tutto per alterare la verità dei fatti. E, accreditare una notizia piuttosto che non un'altra ovvero l'opposto di esse, può significare favorire anche inconsapevolmente l'una o l'altra parte. In ogni caso, si deve tenere in debito conto che la narrazione – ed i dettagli della stessa – provengono unicamente da una sola parte e dai suoi méntori, mentre l'altra è sotto il tiro incrociato di critiche e attacchi che coinvolgono anche i singoli cittadini di quello stato, in barba a ogni norma internazionale e di fatto aggrediti (temporaneamente?) di ogni loro bene.
Ma ogni azione suscita una reazione, e i Cittadini devono comprendere che nel batti e ribatti di 'picche e ripicche' sono proprio loro a pagare il prezzo più alto, perché sono i Cittadini a costituire uno stato e non certo chi li amministra.
Cambiando prospettiva, vorrei farmi latore di alcuni (pochi, in verità...) dei tanti quesiti che la Gente si pone: questo sì che può aiutare, offrendo la percezione di quale possa essere la curiosità e il sentire comune, come pure l'esigenza di sapere, di conoscere, per così formarsi una propria idea senza dover 'subire' quelle altrui.  
Perché in Italia stanno avvenendo episodi di insofferenza da parte di ukraini, profughi o meno, verso cittadini russi da tempo in Italia? Perché vengono tollerate tali manifestazioni chiaramente discriminanti e razziste? C'è una regìa dietro tutto ciò, e ci sono dei fiancheggiatori italiani? C'è da attendersi un peggioramento? C'è un attento filtro nel consentire l'accesso a questi 'profughi di guerra', e lo sono tutti in realtà? Ci possono essere degli infiltrati tra detti profughi, in grado di suscitare/alimentare disordini in Italia? Si adatteranno alle nostre leggi, o porteranno con sé odi e rancori che inevitabilmente esploderanno da noi?
La NATO è una organizzazione difensiva o offensiva? Certamente difensiva, e non può attaccare se non dopo essere stata attaccata (attenzione a questa parola: attaccare. Si veda l'esatto significato di questa parola)  diversamente sarebbe una struttura di tipo aggressivo: ma consegnare tonnellate di armi all'Ukraina, nazione non membro della NATO, non equivale a entrare in guerra  con la Russia per interposta persona e su territorio non coperto dalla NATO?
L'Italia, che è membro della NATO, è sotto attacco o è stata attaccata da un aggressore e per questo deve affrontare un'emergenza, richiamando ogni sua forza per difendersi? Certamente no. Ogni dichiarazione diversa o è pretestuosa per altri fini o è semplicemente falsa. Non siamo né attaccati, e quindi non dobbiamo 'rispondere' ad alcunché, né siamo sotto la minaccia di un attacco: gli unici attacchi abbiamo l'abilità di farceli da soli, davanti allo specchio.
Se l'Ukraina non é membro della NATO, perché i paesi della NATO si sentono tanto coinvolti nell'aiutarla massicciamente tanto militarmente che economicamente? Cosa rappresenta per loro l'Ukraina? Cosa c'è di tanto importante che giustifichi migliaia di morti, enormi devastazioni e il rischio di un conflitto più ampio e drammaticamente serio?
L'Ukraina è aderente alla Unione Europea? No. Anche se a Bruxelles si inventeranno qualunque cosa per ammetterla in fretta e furia (con un occhio predatorio alle sue grandi risorse).
Che fine fanno le armi massicciamente consegnate al règime di Kiev? Che fine faranno alla fine del conflitto? C'è il pericolo che possano finire nelle mani del terrorismo internazionale?
Ma è vero che ci sono episodi cruenti, fino all'esecuzione sommaria anche con il taglio della testa o la crocifissione, di soldati prigionieri?
Perchè c'è un tizio che, con l'indice alzato e agitato a mo' di bastone,  si permette di arringare capi di stato e di governo, incitandoli all'odio, all'invio di armi-armi-armi, istigandoli a calzare i paraocchi, assumendo  misure che potrebbe rivelarsi un pericolosissimo boomerang? Perchè costui è aiutato oltre misura e fiancheggiato nel non essere chiamato a rispondere del massacro di oltre 15.000 civili massacrati nel proprio paese?
Questa mobilitazione di USA+NATO+UE (della serie 'Tutti gli uomini del Presidente'?) coincide con accuse presso i Tribunali internazionali per crimini contro l'Umanità perpetrati a mezzo della somministrazione dei sieri miracolosi; negli USA esplode la pesante e grigia questione legata al giovane rampollo, Hunter; negli USA si va accertando la responsabilità di chi ha montato con atti illeciti il 'russiagate'... Sospetti sempre più pesanti gravano sul tutto. Alimentati dall'assoluto diniego degli USA a sedersi con la Russia allo stesso tavolo di trattativa, cercando nel contempo di attrarre nell'orbita NATO delle nazioni tradizionalmente non schierate (che, da neutrali, diventerebbero bersaglio potenziale).  Perché?
Tanti i quesiti, troppi... E io confesso di non essere in grado di soddisfare tutte le legittime curiosità, dando gli input più corretti. O si accettano - come fosse un atto di fede - le notizie somministrate da un'informazione a senso unico che, con estrema e non casuale disinvoltura, sorvola su fatti gravissimi prediligendo le versioni a favore di un predeterminato 'pupillo', o si ragiona.
Perché utilizzare la 'ragione' giova?  Perché ragionando possono scaturire dei dubbi, ed è proprio il dubbio che ci stimola alla ricerca, all'approfondimento, a togliere quel velo che a tutti i costi taluno vuol piazzare davanti ai nostri occhi.
Abbiamo il diritto di riflettere: approvando o disapprovando, esercitando i diritti che la libertà e la democrazia ci mettono a disposizione. E' un dovere verso noi stessi, questo, ma soprattutto un dovere verso i nostri figli, i nostri nipoti, coloro che verranno dopo di noi: ai quali non è detto che dobbiamo consegnare una Terra desolata, dove la sete di sangue e l'odio sono il concime in cui un'umanità dilaniata, perversa e corrotta, ha smarrito valori e sentimenti, si è smarrita. Un'umanità che, per i 'desideri' di  qualche stregone, dovrebbe essere decimata in pochi anni da virus, guerre, carestie, pestilenze e pozioni magiche varie, per costruire una 'sostenibile società di domani'. Una società senz'anima, costellata non più da 'individui' autonomamente pensanti e quindi senzienti, con una loro specifica 'identità', ma da esseri svuotati cui possa essere stata sottratta la loro 'identità', e quindi profondamente avviliti.   Gente che non ha più sogni, emarginata da tutto, a capo chino, sconfitta, schiava, diventata proprietà di qualcuno che possa 'spegnerla' con un click, che possa decidere cosa possano fare, quando e in quale misura!
Gente che, priva di sogni e di prospettive degne di essere vissute, non saprà più gustare l'incredibile favola che è la vita: ridotta a una comparsata da chi, abile stregone ma non creatore, tutto stravolge per imporre la propria bieca volontà.
Ogni nostro sforzo, oggi, dovrà essere concentrato nel convertire ogni pensiero negativo in azioni positive, ogni energia negativa in flussi di amore fraterno per il proprio prossimo.
Certo, con caritatevole disponibilità e umanità dobbiamo aiutare chi si trovi in forte difficoltà e forse sta smarrendo la propria dignità: accoglienza e integrazione sono la giusta via. Chiarendo subito: integrazione è il nome del messaggio, ma per porlo in essere dev'esserci il forte concorso di chi deve integrarsi, non certo costituendosi in sacche a sé stanti, rendendosi autonomo rispetto al contesto che lo ospita. Al riguardo il comportamento dell'Inghilterra è davanti agli occhi di tutti: manda armi e denaro, manda istruttori e personale più che qualificato, dà elevatissimo credito a una delle parti rendendogli anche visita e arringando contro gli 'altri', ma  - alla prima avvisaglia di profughi in arrivo (veri, falsi, presunti... chissà?!), si è letteralmente trincerata, attivando un immediato pattugliamento marittimo e aereo sulla Manica, teso a intercettare e bloccare l'arrivo di 'clandestini' o 'indesiderati ospiti' le cui mire possano essere quelle di calcare il suolo inglese, per stabilirvisi. Con grande senso pratico, il premier Johnson ha dato una immediata risposta e una soluzione al problema (ma anche una dura lezione ai suoi omologhi europei, propensi a facili e costosissimi entusiasmi). In pratica, possiamo accogliere, previa attenta selezione, solo chi potrà contribuire con una qualche propria competenza/capacità; per il resto, il Ruanda vi aspetta. Terra ospitale e assolata, amena... lì vi troverete bene, sicuramente, anche solo temporaneamente!
C'è tanto odio, rancori a lungo covati, interessi smisurati, prevaricazione: un mix che ha fatto da facile innesco per il deflagrare di violenze sempre più acute, tragiche.
Contro tutto questo odio, ricordiamo che proprio noi possiamo fare il 'miracolo': basta solo che ricordiamo a noi stessi che 'ogni giorno è un miracolo', per così interrompere la spirale negativa.
Per chi crede, la Pasqua è il momento giusto per dare concretezza ai propri stati d'animo, alle proprie azioni: se veramente vogliamo la Pace, dobbiamo avere ben presente che Dio è Pace, Amore e Perdono, e che il solo nutrire sentimenti di rancore ci fa morti dentro ancor prima di esserlo materialmente.
C'è gente che muore  senza capirne il motivo: aiutiamoli a deporre le armi, a far trionfare la Pace. Sarà una vera rinascita collettiva, nel segno del Bene, dell'Uno, del Tutto.
La prossima volta che mi rivolgerò a voi tutti, vorrei farlo proprio parlando di una Pace raggiunta.
Giuseppe Bellantonio
17/04/2022        
Torna ai contenuti