DOPO LE PAROLE DI DRAGHI... - ETTORE LEMBO NEWS

Title
Vai ai contenuti
Dopo le parole di Draghi,
al telefono con Zelensky,
incredibili le parole
della Von der Leyen
al parlamento UE.

Irresponsabili, incredibili e fortemente provocatorie le parole del Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen pronunciate al Parlamento Europeo.
Parole che potrebbero mettere fortemente a rischio di conflitto, qualche centinaio di milioni di persone degli stati Europei.
'Putin fallirà e l'Europa prevarrà'. Parole pronunciate durante il discorso sullo Stato dell'Unione. 'L'Ucraina avrà accesso al mercato unico, oggi vado a Kiev'.
Ed ha aggiunto,  "Voglio essere molto chiara: le sanzioni sono destinate a rimanere. Questo è il momento di mostrare determinazione, non acquiescenza".  E continuando, "Questa è una guerra alla nostra energia, una guerra alla nostra economia, una guerra ai nostri valori e una guerra al nostro futuro. Si tratta di autocrazia contro democrazia."
Parole di guerra e non di distensione e pacificazione che si aggiungono a quelle che qualche giorno prima il Presidente del Consiglio Italiano Draghi, aveva detto in una telefonata fatta a Zelensky.
Draghi ha infatti ribadito il continuo sostegno da parte del Governo italiano alle Autorità e alla popolazione ucraine in tutti gli ambiti.
Posizioni forti da entrambi contro i Russi, e che non lasciano intravedere nulla di buono se non un deterioramento ulteriore di ogni rapporto tra Italia e Russia, Europa e Russia.
Rapporti pesantissimi contro la Russia che non trovano tuttavia riscontro in tutti gli stati membri.
Ma anche in Italia si registrano forti divergenze tra popolazione e tutti i  partiti di quel parlamento uscente, sia alleati di governo che, incapaci di fare anche il minimo di opposizione, hanno tutti appoggiato il governo incondizionatamente.
Chissà come mai la visita a sorpresa del Presidente Mattarella alla portaerei Cavour?
Si avvicinano sempre di più i venti di guerra?
Ettore Lembo
15/09/2022
Torna ai contenuti