OLIMPIADI USATE DALLA SINISTRA... - ETTORE LEMBO NEWS

Aiutaci con la tua DONAZIONE
Title
Vai ai contenuti
Olimpiadi usate dalla sinistra

come cavallo di troia per lo jus soli?
Non sanno più cosa inventarsi i sinistri della sinistra, per cancellare la cultura e la nostra Italianità. Emozione che da sempre, sembrerebbe   dia proprio fastidio a loro, che non vedono l'ora di sostituirci.
Così si strumentalizzano le vittorie Italiane delle Olimpiadi, e le frasi di multietnicita pronunciate da Malago, che forse non riesce più a trovare Italiani vincenti, e vuole aprire a gli immigrati. Nazionalizzandoli.
Così ecco che si torna a parlare di ius soli, e lo fa la Lamorgese, ministro dell'interno con l'approvazione del segretario del PD  Letta, che forse vorrebbe intravedere un ipotetico riscatto dopo che la legge LGTB, che gli Italiani non vogliono assolutamente, è stata archiviata.
Ma attenzione, anche lo ius soli, non è voluta dagli Italiani, che tante volte si sono espressi in vario modo, anche punendo nelle varie tornate elettorali chi la aveva proposta.
Prescindendo quindi dalla posizione di Salvini e della Meloni, che da sempre si sono battuti contro, evidenziando che per ottenere la cittadinanza Italiana, che ha un valore, bisogna guadagnarsela e sudarsela. Infatti non ci si integra con lo ius soli, se non si accettano le regole, la cultura e la tradizione del paese ospitante. Gli esempi sono tanti, la Francia ne sa qualche cosa, visti gli attentati subiti, ma è evidente che c'è chi non vuol guardare la realtà.
"Dobbiamo aiutare le seconde generazioni a sentirsi parte integrante della società".afferma il titolare del Viminale, dimenticando proprio che sono le seconde e terze generazioni che hanno dimostrato come l'integrazione o è sentita o non funziona.
Così i vece Il sottosegretario all'Interno, il leghista Nicola Molteni, che critica esplicitamente l'uscita del numero uno del Coni definito un "maldestro": "La cittadinanza è uno status non un diritto.
Giusto per intenderci sull'unità esistente nel Nostro governo, dove ministro e sottosegretario di un solo dicastero, intendono raggiungere due obiettivi diversi e radicalmente contrari.
Cerca invece di smorzare i toni l'azzurra Deborah Bergamini, secondo cui "più che pensare ad introdurre nuove forme di ius soli" servirebbe "far funzionare al meglio il sistema di regole attualmente in vigore. Ad ogni modo, complimenti al Presidente Malagó e a tutto lo sport italiano per questa Italia da recor"
Insomma un quadro drammatico per gli Italiani, che sono confusi da un governo che ha saputo pianificare il caos, per rendere incomprensibile e critica la vita degli Italiani.
Sarebbe questo il Governo che vuole L'Europa per l'Italia?
Meditate gente, Meditate..
Ma prima che cominci il campionato di calcio...  Dove già le società ed i giocatori sono già... Multietnici.
(Ettore Lembo)
10/08/2021

ETTORE LEMBO NEWS
Torna ai contenuti