MATTARELLA: ...CONTRO L'ANTISCIENZA O L'ANTIUMANITA'?? - ETTORE LEMBO NEWS

Aiutaci con la tua DONAZIONE
Title
Vai ai contenuti
Mattarella:
contro l'antiscienza?
o... antiUmanita?

Non sono condivisibili le parole di Mattarella, che pur rispettandone il ruolo istituzionale di Capo di Stato, evidenzia tutti i limiti delle umane contrapposizioni.
Sono in tanti i cittadini che evidenziano (relata refero) e chiedono il richiamo ed il rispetto della costituzione.
Illustri ed Emeriti costituzionalisti, uomini di legge e alti funzionari delle istituzioni, abbiamo scritto precedentemente del vice questore, attualmente sospesa, dr.ssa Alessandra Nunzia Schiliro', che ha citato con precisione articoli di legge, anche Europei, che sembrerebbe siano stati disattesi,  chiedono il ritorno alla applicazione della costituzione.
Costituzione che qualche governatore, sfruttando una scienza, poco chiara e certamente non assoluta, pretende di interpretare a proprio modo. Forse per imporre il proprio volere distogliendo l'attenzione da gravi probabili situazioni che l'Italia sta vivendo?
E condivisibile quando Mattarella dice: "Il virus continua a provocare allarme.
Non si è esaurito il nostro dovere è di responsabilità, soprattutto verso i più deboli." Potrebbe ritenersi discutibile quando asserisce:
"Siamo riusciti a realizzare una ripresa economica e i vaccini sono stati la nostra difesa, hanno consentito le riaperture. La ricerca è stata un grande esempio di collaborazione mondiale. Abbiamo visto una larga adesione alla campagna vaccinale che ha visto la quasi totalità degli italiani vaccinarsi per proteggere sè stessi e gli altri".
Forse, ha probabilmente dimenticato, nel suo discorso, che  migliaia di persone sono state salvate dal virus, grazie alle cure immediate, semplici ed economiche, che alcuni medici, contravvenendo a rigidi e discussi protocolli messi in atto dal Ministero della Salute, hanno sotto la propria responsabilità, preferito utilizzare.
Attenzione quindi quando si parla di antiscienza. Specialmente se riferito alle continue discussioni contro il farmaco sperimentale, di cui, ad oggi, non conosciamo gli effetti a breve, medio e lungo termine. Non è un caso che la divergenza dei tecnici sanitari, costringe a continue variazioni sulla durata, efficacia e copertura, del farmaco, e per di più senza conoscerne a fondo gli effetti collaterali gravi e letali.
Così, quando asserisce che bisogna condurre la battaglia "contro l'antiscienza" perchè ci sono "nuclei che propagano l'antiscienza: è una sfida nei luoghi della modernità, occorre affrontarla e vincerla, ne va della prosecuzione di un percorso virtuoso" probabilmente dimentica, o forse non è stato sufficientemente informato, che questa battaglia sta dividendo pericolosamente gli Italiani.
Lo dimostrano infatti le numerose proteste continue, supportate da  altrettanti studiosi e conoscitori della scienza, alcuni addirittura insigniti da Nobel nelle loro discipline.
Ed ancora, pur se a causa di mediatici effetti condizionanti, dovesse trattarsi di minoranza, che tuttavia sembrano essere grandi realtà numeriche, circa una decina di milioni, le diverse convinzioni vanno tutelate, così come scritto nella costituzione quando parla di diritto e rispetto delle minoranze.
Il popolo, che oggi ritiene di non sentirsi più rappresentato dal governo attuale che ha subito troppe trasformazioni, dove addirittura  non esiste più opposizione, forse vorrebbe sentirsi tutelato, ponendo fiducia al Capo di Stato, affinché possa essere realmente custode, oltre che Garante della Costituzione.
(Ettore Lembo)
20/11/2021

ETTORE LEMBO NEWS
Torna ai contenuti