DEMOCRAZIA? DITTATURA? TIRANNIDE!!! - ETTORE LEMBO NEWS

Aiutaci con la tua DONAZIONE
Title
Vai ai contenuti
Inizia in ITALIA
ed arriva in EUROPA

la trasformazione della DEMOCRAZIA in DITTATURA e poi in TIRANNIA?
Più che un articolo, è un ripasso di ciò che abbiamo forse studiato e che mai pensavamo potesse servirci per descrivere la trasformazione che sia l'Italia che, la non tanto amata Europa, sembra stiano subendo.
Forse si sta trasformando la democrazia, in una vera e propria tirannide, passando per la dittatura?
È ovvio che ne il tiranno ne il dittatore, si considereranno mai tali, perseguendo chi li apostrofa di tali parole, considerate epiteti, ma è proprio quello il segnale che li colloca in quelle aree...
Ma per fare ciò, è necessario investire un minimo di tempo per rinfrescare la nostra memoria, o imparare il significato delle parole.
A tal fine, scomodiamo il rinomato Dizionario Enciclopedico Treccani,  togliendo così la possibilità di errori di interpretazioni.
Vi invitiamo a leggere tutto, prima delle conclusioni finali, che vi indurranno a riflettere liberamente.

DEMOCRAZIA:
Forma di governo in cui il potere risiede nel popolo, che esercita la sua sovranità attraverso istituti politici diversi; in partic., forma di governo che si basa sulla sovranità popolare esercitata per mezzo di rappresentanze elettive, e che garantisce a ogni cittadino la partecipazione, su base di uguaglianza, all’esercizio del potere pubblico: paese retto a d.; instaurare la d.; d. diretta o plebiscitaria, quando il potere è esercitato direttamente da assemblee popolari o mediante plebisciti; d. indiretta, rappresentativa, parlamentare, quando il potere è esercitato da istituzioni rappresentative. D. popolare, espressione con cui veniva indicata genericamente l’organizzazione politico-sociale dei paesi socialisti dell’Europa orientale e, in senso più ampio, di tutti i paesi socialisti. b. estens. Paese retto democraticamente: le d. moderne, le d. dell’Europa occidentale. 2. La dottrina stessa, come concezione politico-sociale e come ideale etico, che si fonda sul principio della sovranità popolare, sulla garanzia della libertà e dell’uguaglianza di tutti i cittadini; anche l’applicazione pratica di tale dottrina, e l’insieme delle forze politiche che la sostengono: operare per il trionfo della d.; una d. in lotta contro i regimi totalitarî. D. Cristiana, movimento politico sviluppatosi alla fine del sec. 19° da precedenti forme di cattolicesimo sociale e affermatosi poi come partito in Italia e anche in altri paesi europei ed extraeuropei. D. elettronica, l’utilizzazione delle nuove tecnologie elettroniche, spec. Internet, al fine di favorire la partecipazione dei cittadini alle decisioni che li riguardano in quanto tali e, ancora, di garantire la trasparenza nella gestione della cosa pubblica e la correttezza nella trasmissione delle informazioni. 3. non com. Comportamento democratico, cioè affabile e cordiale, nei rapporti con i dipendenti e le persone di condizione sociale più modesta, determinato soprattutto da rispetto per i loro diritti e il loro lavoro: dare prova di democrazia; la sua d. non è una maschera ma è veramente spontanea.

DITTATURA:
regime politico caratterizzato dalla concentrazione di tutto il potere in un solo organo, rappresentato da una o più persone, che lo esercita senza alcun controllo da parte di altri (d. militare, fascista, comunista; instaurare, abbattere la d.). 2. Con significato più ampio la parola dittatura indica un’imposizione dispotica e intransigente della propria autorità (ribellarsi alla d. del proprio direttore, della propria famiglia), 3. o anche il dominio incontrastato di una persona, di una categoria ecc. in un determinato ambito (la d. letteraria del Bembo nel Cinquecento; la d. della grande industria, dell’alta finanza). 4. Infine, nella Roma antica, la dittatura era la carica e l’autorità di dittatore, e anche la durata di questa carica (la d. di Cincinnato; assumere, deporre la d.).

TIRANNIA:
Governo di un dominatore assoluto. Per Platone era la peggior forma di governo, quella in cui il sovrano esercita il potere tramite la paura e commettendo atti abnormi; per Aristotele rappresentava la degenerazione della monarchia, in cui il sovrano peresegue il proprio interesse anziché quello collettivo. Connotata in seguito come infrazione della ‘legge naturale’, nel pensiero cristiano la t. fu concepita come violazione della legge divina, dando vita alla riflessione sulla legittimità del tirannicidio. Il concetto di t. passò infine a designare ogni forma di potere arbitrario e illimitato (anche da parte del popolo o della maggioranza in un regime democratico in cui non vengano rispettati i diritti individuali).
(fonte Treccani)
Avendo ben chiaro il significato dei singoli termini, è possibile evidenziare piccoli, o grandi, secondo la propria valutazione, segnali che potrebbero sancire il passaggio da uno stato all'altro.
Da democrazia a dittatura, quando un Presidente, (Relata Refera) indicato impropriamente come Re D'Italia, impose delle discutibili scelte politiche, costringendo per di più l'Italia ad una guerra assurda contra la Libia, nonostante  potesse esimersi come fecero altri paesi di una Europa....
È poi nota la sua avversità contro governi ad egli non allineati, essendo da sempre stato un promotore e sostenitore di una delle peggiori dittature comuniste del secolo scorso.
Unico Presidente ad andare oltre il "normale settennato...
Da dittatura a tirannia.
Dopo aver consolidato la dittatura nella sua nazione, oramai annessa totalmente allo stato più ampio chiamata Europa, l'organizzatore di un inutile e fallimentare G20, ridotto a 18, riceve l'investitura da tiranno parte di un presidente di una nazione d'Oltre Oceano.
Presidente che sembra essere poco amato e stimato nella sua nazione, a causa di elezioni controverse, cui si vocifera, nulla di certo, ovviamente, di un aiutino controverso, da parte di qualche stato forse l'unico annesso totalmente all'Europeo stato.
Hai fatto un buon lavoro, è la frase che l'illustre presidente, forse senza poi tanto lustro, ha voluto porgere all'organizzatore del fallimentare ed insignificante evento, promuovendolo a ruolo di Tiranno.
Tiranno che con le sue imposizioni imposte nell'ex stato sovrano di sua provenienza, poi allargato in tutti quegli stati di cui imporrà la sua tirannia.
Si chiamerà forse Europa?
Non a caso a meno di un mese, assistiamo allo stravolgimento ed alla violazione di ogni libertà, iniziando dalla limitazione al lavoro, principio fondamentale di ogni dignità umana, ed alla limitazione di frequentazione di luoghi e territori.
È così, attraverso la salute, dominata dalla paura, il tiranno  imprime la dominazione assoluta ed il controllo monetario ed economico.
Esercita il potere di vita e di morte dei propri sudditi.
Chissà cosa direbbe Platone, cui riteneva che la tirannia fosse la peggio forma di governo, quella il cui sovrano esercita il potere, tramite la paura e commettendo atti abnormi, riferendosi ad i nostri italici giorni?
Non potendolo chiedere a lui, oramai scomparso da qualche migliaio di anni, ci limitiamo ad immaginarlo....
(Ettore Lembo)
21/11/2021
ETTORE LEMBO NEWS
Torna ai contenuti